Seleziona una pagina

TAPPETO KARABAGH FIGURATIVO ANTICO

Tappeto Karabagh o Garabagh antico figurativo 132×210

in questo tappeto che possiamo definirlo anche un quadro ,  e rappresenta la cultura tipica persiana dove si trovano alcuni personaggi importanti del villaggio, discutendo sulle facende quotidiane. qui troviamo Narghile , il vino , ed alcuni disegni stilizzati. in quell’area vivono da secoli vari popoli , dagli Armeni ai Curdi. è ricco di culture. su questo tappeto l’autore ha lasciato la sua firma in varie parti del tappeto.

Descrizione

Tappeto karabagh figurativo  antico 132×210

Karabagh, questa regione caucasica confina a sud con l’Iran e a sud-est con il Mar Caspio. Seguendo gli eventi storici e la posizione geografica di questa zona, chiamata “giardino nero” è evidente lo stile persiano che influenza la tessitura dei tappeti karabagh, tanto è vero che nella produzione contemporanea è difficile distinguere se i tappeti siano caucasici o persiani.

Le provenienze armene e curde hanno concorso con grande rilevanza allo sviluppo della tessitura di tappeti nel karabagh. Questi tappeti sono spesso somiglianti, per struttura e disegni, a quelli armeni, per questo i tappeti del Karabagh sono gruppi non omogenei, in quanto, sotto questa denominazione, vengono raccolte anche altre produzioni di centri rurali e cittadini a cui viene attribuito in ogni caso il marchio “karabagh”. L’annodatura è simmetrica e fine ed i colori sono selezionati con saggio gusto, nelle tonalità rosse e azzurre.

L’ordito è in lana naturale, bruno e avorio. A volte viene usato il cotone, ma solo affiancato alla lana; in alcuni casi, appare il cotone bianco o azzurro-grigio per la trama. L’orlatura è piatta, fatta da due o tre coppie di orditi, avvolti da cordone in lana. Le frange sono sovente a intreccio a nastro piatto. I formati dei tappeti sono svariati, tra i quali gruppi “a preghiera” di formato piccolo, nella cui cornice superiore, al centro del campo troviamo un “mihrab” sagomato a punta di freccia e decorato da disegni differenti con strisce variopinte, “botteh” o effigi floreali di carattere persiano; un secondo gruppo di formato allungato in cui i “botteh” sono affiancati l’uno accanto all’altro in file regolari.

Allorché i “botteh” sono in diagonale e decorati alla base da fogliame ricurvo come i tentacoli di uno scorpione, questi provengono da Gorhdis.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi