Seleziona una pagina

TAPPETO BAKHTIARI ANTICO FIGURATIVO

tappeto bakhtiari figurativo antico 106×187 CM

questo tappeto rappresenta la storia d ‘ amore

Khosrow e Shirin è una favola persiana scritta nella forma di un poema da Nezami Ganjavi intorno al 1180. La favola parla del rapporto tra i desideri, il potere della politica ed il potere dell’amore.

Nezami per scrivere questo poema venne ispirato dalla letteratura locale e dalle storie dell’Azerbaigian persiano. Shirin era un personaggio già conosciuto e tramandato oralmente nelle storie locali, quindi già presente nella cultura persiana. Veniva descritta come una fanciulla bella, onesta e amorevole e Nezami,  l’ha resa eterna.Nezami ha iniziato la storia raccontando l’amore di Hormoz, re di Persia verso suo figlio e descrive l’educazione ricevuta dal figlio finché non diventa un uomo.[1] Khosrow, principe di Persia, un giorno era andato a caccia insieme ai suoi servi. Durante la notte vengono ospitati nella casa di un contadino, ma non si comportarono da buoni ospiti in quanto il giorno seguente si scoprì, sia che il cavallo di Khosrow aveva rovinato il terreno del contadino che il furto da parte dei servi di una parte della coltivazione. Quando re Hormoz venne a sapere di questo fatto ordinò di punire pesantemente Khosrow che accettò senza obiezioni, ma era una punizione era talmente pesante che Khosrow ci rimane molto male. Khosrow in quella notte di tristezza sognò suo nonno Anushirvan che gli diede speranze per un futuro migliore parlandogli di una bellissima ragazza, di un cavallo forte, di un regno e di bravi musicisti…..) per sapere di piu sulla questa storia potete vedere il  link .)    https://it.wikipedia.org/wiki/Khosrow_e_Shirin

 

Descrizione

E’ costituita da una grande tribù di nomadi, oggi sedentarizzati, che si trova a Sahar-kurd, il cui significato è tradotto in “città dei kurdi”.Questi nomadi sono parenti dei luri,
dei quali la regina Soraya è stata la figlia più famosa . Ora questo popolo è in prevalenza residente nella zona degli Zagros, regione del Cahar-mahal, dalla quale provengono i suoi tappeti. La colorazione è assai eterogenea. Si lavora con diverse tonalità di bianco e d’avorio, rosso e marrone, e molto meno blu. E’ usato il giallo e il verde, e i colori naturali generalmente attribuiscono armonia cromatica. Le decorazioni più rilevanti sono “i tappeti a giardino”, con figure di tralci e fiori inseriti nel disegno a riquadri. In altri tappeti il fondo è ornato di losanghe protese, riempite di decorazioni a fiori, come anche i tappeti a medaglione Ordito e trama vengono lavorati in cotone. L’annodatura consiste nell’uso del nodo turco ed è molto varia. Il vello è in lana opaca o molto lucente ed è sottoposto ad una rasatura medio-alta o alta.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi